L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























martedì 30 giugno 2009

ITALCEMENTI MATERA A RISCHIO IL PARCO DELLA MURGIA

TERRIBILE INCIDENTE FERROVIARIO A VIAREGGIO
http://iltimone.blogspot.com/2009/06/terribile-incidente-ferroviario.html

LOMBARDO FORMA LA NUOVA GIUNTA
http://isoladellefemminedaliberare.blogspot.com/2009/07/lombardo-forma-la-nuova-giunta.html

NINO RUBINO A TELEJATO FENOMENO MAFIOSO A ISOLA?
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-elezioni.html


Nino Rubino: Elezioni Amministrative Come la pensiamo
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-elezioni.html

Stefano Bologna: LE PAROLE SONO PIETRE
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/06/oggi-10-giugno-alle-1310-due-funzionari.html



Pino Rubino:LIBERE ELEZIONI A ISOLA DELLE FEMMINE?
http://disertiamoleurneaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/ce-la-faremo-uploaded-by-isolapulita.html

Isola delle Femmine: Rdar meteo o acquario marino?
http://isoladifuori.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-radr-meteo-o.html




IL PARCO DELLA MURGIA MINACCIATO DA ITALCEMENTI?
Il presidente Cifarelli scrive a De Filippo e Santochirico - Articolo realizzato da Giovanni Martemucci - martedì, 30 giugno 2009






Riceviamo e pubblichiamo


Con una lettera inviata al Presidente della Giunta Regionale –Vito De Filippo-, all’Assessore all’Ambiente –Enzo Santochirico-, al Presidente della Provincia –Franco Stella-, al Sindaco di Matera –Emilio Nicola Buccico- ed alla società Italcementi SpA, il presidente dell’Ente Parco della Murgia Materana, Roberto Cifarelli è tornato sull’intervento di revamping in corso di esecuzione in Contrada Trasanello a Matera.

Questo il testo della lettera:

Credo che l’imponente intervento che Italcementi SpA ha in corso di esecuzione da oltre un anno presso il proprio stabilimento di Contrada Trasanello a Matera, a pochi chilometri dal centro abitato, al confine del Parco Regionale della Murgia Materana ed in pieno Sito di Interesse Comunitario – Zona di Protezione Speciale, meriti un approfondito chiarimento nell’interesse delle popolazioni murgiane, dei lavoratori, della tutela delle specie animali e vegetali e della stessa Italcementi SpA.

In questi giorni assistiamo alla ultimazione della elevazione della “torre” di oltre
90 metri che da questo momento in poi segnerà negativamente il profilo del paesaggio.

Mi sembra inutile sottolineare il contesto culturale, storico e paesaggistico in cui essa va ad inserirsi(?).

A più riprese associazioni di cittadini ed ambientaliste, come puntualmente riportato dagli organi della stampa locale, si interrogano (e ci interrogano) circa la qualità delle emissioni dello stabilimento per la produzione del cemento in particolare in relazione ai carburanti utilizzati nel ciclo produttivo, sollevando persino dubbi circa la bontà delle rilevazioni e dei monitoraggi effettuati dalle strutture pubbliche.

Credo sia arrivato il momento di sgomberare radicalmente e definitivamente questi dubbi.

Premetto che all’Ente Parco non competeva e non compete esprimere alcun parere formale sull’intervento, essendo il cementificio esterno all’area protetta per volontà del Consiglio Regionale del 1990. Non sfugge, però, quanta incidenza abbia da quasi quarant’anni una industria così grande sugli habitat e sull’ecosistema di una zona così tanto delicata ed importante da meritarsi l’attenzione della stessa Regione Basilicata e dell’Unione Europea.

Circa quattro anni fa, in occasione della presentazione del progetto di “revamping” al comune di Matera, in una lettera riservata all’allora sindaco espressi alcune perplessità in quanto “(…) l’area di intervento è altamente sensibile per la sua collocazione nel sito SIC/ZPS della rete Natura 2000 e perché adiacente al Parco (…). Da una prima sommaria analisi, però, mi sembra che le dimensioni del nuovo impianto (poco meno di 100 mt di altezza) siano impattanti dal punto di vista ambientale e, dai pochi dati presentatici relativamente alle emissioni in atmosfera, non si comprendono le esatte quantità e la qualità delle concentrazioni, essendo queste parziali ed espresse solo in kg/h. La proposta, inoltre, fa riferimento all’utilizzazione di urea per la riduzione dell’ossido di azoto e presuppone ancora l’utilizzo di pneumatici fuori uso (altamente inquinanti) quale combustibile alternativo. Condividendo l’intento di Italcementi di proporre un progetto di conversione tecnologica in funzione della crescita economica, ricercando l’equilibrio ecologico e la responsabilità sociale, suggerirei di approfondire tutti gli aspetti relativi al progetto e lavorare per un accordo quadro di programma che, appunto, minimizzando gli impatti e l’incidenza ambientale ed ecologica migliori le performance ambientali storiche di Italcementi, garantisca la massima trasparenza e divulgazione dei dati, e massimizzi le ricadute sociali per il territorio”.

A seguito di quella nota e di ulteriori incontri con dirigenti comunali, regionali e della Italcementi, in fase autorizzativa comunale si convenne di sottoscrivere una intesa quadro tra comune, parco e società.

Infatti, partendo dal presupposto che le attività industriali poste in essere da Italcementi SpA hanno prodotto nel tempo benessere sociale grazie alla istituzione di nuovi posti di lavoro e, nel contempo, in linea con la scarsa sensibilità ambientale dell’epoca, anche problemi ecologici legati al tipo di attività industriale insediatasi, l’Ente Parco propose per l’intesa alcuni punti cardine:

- concordare le modalità operative e i controlli effettuati e da effettuare, allo scopo di assicurare le massime garanzie per la salute dei cittadini e dei lavoratori, riconoscendo a Italcementi di poter normalmente operare in un quadro di riferimento certo, nel rispetto di tutte le normative vigenti, fermo restando l’impegno per un costante miglioramento degli aspetti ambientali, così formalizzati con l’ottenimento da parte della cementeria di Matera della certificazione ambientale ISO 14001;

- istituire un controllo con diramazione videoterminale e con possibilità di stampa , presso l’Ente Comunale e l’Ente Parco al fine della trasparenza dei dati riguardati le emissioni dei camini aprendo un link dedicato alla “QUALITA’ DELL’ARIA” nel quale sia possibile consultare tutti i dati di emissione relativi al monitoraggio in continuo della cementeria di Matera;

- concordare i tempi per completare il piano di bonifica (coperture e tamponature in cemento amianto) all’interno del cementificio;

- mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari ad attenuare l’emissione di rumore e polveri provenienti dai reparti di produzione, spedizione e ricevimento di materiale;

- risolvere ulteriori problematiche ambientali quali la localizzazione dell’impianto di produzione calcestruzzi attualmente ubicato in via San Vito e la salvaguardia di siti archeologici ricadenti nelle proprietà Italcementi di Matera. Entro un termine da concordare l’impianto della Calcestruzzi sito in via S.Vito a Matera, deve essere delocalizzato presso le aree di proprietà della Italcementi in località Venusio (con la necessità e l’impegno da parte dell’Amministrazione Comunale di Matera di approvare variante urbanistica);

- concordare preventivamente interventi di ripristino ambientale delle cave in coltivazione, affinché venga avviato un processo di rinaturalizzazione con specie vegetali autoctone;

- condividere l’intervento di revamping sul piano architettonico vista la particolare sensibilità del sito in cui si inserisce;

- istituire un tavolo tecnico-scientifico per la corretta gestione di quanto previsto dal protocollo d’intesa, tra Italcementi, Ente Parco e Amministrazione Comunale, rappresentata in proprio e/o attraverso esperti od organizzazioni qualificate, attorno al quale riunire, in relazione ai temi trattati e su iniziativa dell’Amministrazione Comunale, i rappresentanti degli Enti di Controllo (ARPA e ASL), delle organizzazioni sindacali e dei Comitati Ambientali. Il tavolo tecnico potrà proporre la revisione o l’aggiornamento del protocollo d’intesa a seguito di evoluzioni normative (statali, regionali,europee) e tecnologiche che disciplinano in modo diverso la materia delle emissioni inquinanti in atmosfera;

- partecipare a progetti per la salvaguardia della biodiversità.

L’intesa, finanche ridimensionata nei contenuti, ad oggi non è stata sottoscritta, mentre i lavori di revamping proseguono con regolarità. La partecipazione del parco alle varie fasi del procedimento è stata, purtroppo, limitata alla sola parte urbanistica e non già a quella ambientale. Né si può invocare a questo proposito la semplice e formale pubblicazione fatta a suo tempo da parte della Italcementi di un avviso su un quotidiano locale.

A questo si aggiunga che l’Arpab (l’agenzia lucana per l’ambiente), riferendo recentemente dei dati relativi alle emissioni degli impianti in risposta al Difensore Civico sollecitato a sua volta da Cittadinanzattiva, comunicava che dall’agosto del 2008 “l'alimentazione del forno è a carbon-cook che sostituisce completamente l'impiego di pneumatici”. Ciò starebbe a significare che fino a meno di un anno fa il forno dell'Italcementi verosimilmente bruciava ancora pneumatici, e non c’è la certezza che questo non potrà avvenire ancora in futuro.

La delibera di Giunta Regionale n. 658 del 7 maggio 2007 di “Autorizzazione Integrata Ambientale” rilasciata ai sensi dell’art.5 del D.Lgs n.59/2005 conferma infatti la possibilità di svolgere “attività di messa in riserva e di recupero come combustibile alternativo di rifiuti, per un quantitativo massimo annuo pari a 12.000 tonnellate”, elencando tra questi i rifiuti plastici, “rifiuti non specificati altrimenti” e pneumatici fuori uso, e “il revamping del ciclo produttivo consentirà un’ancor più efficiente gestione delle attività di recupero in essere e una chiara predisposizione all’incremento delle potenzialità future”.

Per le ragioni esposte, confermando la disponibilità dell’Ente Parco a condividere un percorso partecipativo, ritengo necessario che si istituisca rapidamente un tavolo di confronto tra Regione, Comune, Ente Parco e Italcementi che riprenda i contenuti dell’intesa a suo tempo proposti dal parco e riconsideri l’attività di utilizzo di rifiuti a fini energetici.




http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/alla-presenza-del-sottosegretario-all.html

domenica 28 giugno 2009

Licenze Edilizie Crivello Crivello Costanzo Sorelle Pomiero Progettista geom Impastato Giovanni Amministratore

C’è un sistema infallibile per non essere accusati di mafia: non incontrare mafiosi, non andare a cena con loro né ai loro matrimoni e soprattutto non stipulare con loro “patti elettorali ferrei”. E’ dura, ma ce la si può fare.




*Licenze Edilizie Crivello Crivello Costanzo Sorelle Pomiero Progettista geom Impastato Giovanni Amministratore
*Licenza Edilizia N° 28 del 03/12/2009 Scalici Damiano Amministratore R.S. Costruzioni SRL
*Licenza Edilizia Riso Rosaria 26 Novembre 09 Dionisi Vincenzo
*Licenza Edilizia in sanatoria n 24 Fontana Salvatore
*ORDINANZE U.T.C Lucido,Bruno,Romeo,Crivello,Bologna,Caltanisetta,Rubino
*Licenza Edilizia 21 Spanò Giuseppe
*Licenza Edilizia in Sanatoria 22 Bruno Salvatore
*SENTENZA VERANDA ISOLA DELLE FEMMINE
*ORDINANZA N 57 13 OTTOBRE 2009 VINCOLI URBANISTICI
*Denunce di abusivismo edilizio a Isola delle Femmine
*Licenza Edilizia in Sanatoria 20 Prefabbricati Nord
*MONITORAGGIO ABUSIVISMO EDILIZIO
*LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA MAZZOLA ANTONINA SETTEMBRE/09
*LICENZA EDILIZIA GIAMBONA CATERINA
* Via martin L. King Portobello Callea Costantino Parco Giochi Piscina
*D'Arpa Sandro
*LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA GAMBINO GIOVANNI AGOSTO/09
*LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA DI LORENZO PIETRO LUGLIO/09
*Licenze Edilizie Crivello Crivello Costanzo Sorelle Pomiero Progettista geom Impastato Giovanni Amministratore


Consiglio Comunale 25 giugno 2009 Insediamento "Sindaco" a Isola delle FemmineDichiarazione Rinascita Isolana


Consiglio Comunale 25 giugno 2009 Insediamento "Sindaco" a Isola delle FemmineDichiarazione Rinascita Isolana

Giuramento del Sindaco.
Il Sindaco prestato giuramento, afferma la sua intenzione di amministrare con assoluta trasparenza, dichiarandosi pronto, comunque, ad affrontare qualunque battaglia politica, come fa immaginare il comportamento testé assunto dal gruppo “Rinascita isolana”, certo di poterla vincere grazie all’aiuto della popolazione.
Enuncia, quindi, le deleghe che intende conferire agli assessori:
All’assessore Palazzotto verrà conferita la carica di vice Sindaco, nonché le deleghe assessoriali alla cultura, al turismo ed alle attività produttive. Evidenzia i meriti personali e familiari dell’assessore Palazzotto contraddistinti da una costante lotta contro ogni sopraffazione e per la legalità, le competenze dello stesso sono costituite dalla propria lealtà e trasparenza e dal lavoro svolto in mezzo alla gente.
All’assessore Aiello verrà conferita la delega ai servizi a rete, Lavori pubblici e viabilità. Egli già nelle passate legislature ha costituito un vanto per tutte le amministrazioni succedutesi e tale sarà anche in futuro.
All’assessore Riso verrà conferita la delega allo sport, servizi sociali e protezione civile. In passato l’odierno assessore, quando rivestiva la carica di Presidente del Consiglio, è stato martirizzato, ma i suoi meriti sono stati invece riconosciuti dalla popolazione che lo ha votato sino a farlo diventare il terzo eletto.
All’assessore Cutino verrà conferita la delega all’ambiente, alle politiche giovanili ed all’arredo urbano. Anche detto assessore in passato ha subito molte accuse, anche se ha sempre operato al servizio della gente e del paese.
Ringrazia il Presidente del Consiglio affermando la sua certezza che Questi svolgerà bene i propri compiti, operando al di sopra delle parti e cercando la collaborazione della minoranza anche se nel rispetto delle diverse posizioni, cercando, comunque, di assicurare la pianificazione territoriale, il benessere e l’arricchimento culturale e sociale di tutta la comunità.
Ringrazia, infine, la cittadinanza per la fiducia accordatagli, preannuncia il proposito di procedere ad una riorganizzazione della macchina amministrativa, promette di operare con onestà e trasparenza, senza accettare provocazioni.
Ringrazia la propria famiglia per il costante supporto ed incoraggiamento.
Esaurita la trattazione degli argomenti iscritti all’ordine del giorno il Presidente dichiara chiusa la seduta alle ore 19,30.
35 del 25-06-2009
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DCC00035.pdf (11 kb) File con estensione pdf
Elezione del Presidente del Consiglio Comunale
Il Segretario Comunale sottopone al Consiglio la seguente proposta di deliberazione:
“ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE”.
IL CONSIGLIO COMUNALE
Preso atto dell'avvenuto giuramento, convalida, surroga ed esame delle incompatibilità dei Consiglieri neoeletti;
Considerato che occorre procedere alla nomina del Presidente del Consiglio ai sensi dell'art. 19 della L.R. n.7/1992;
Dato atto che detta elezione deve svolgersi a scrutinio segreto ai sensi dell'art.184 dell'O.R.EE.LL.;
Preso atto dello scrutinio della votazione che ha dato i seguenti risultati
DELIBERA
Eleggere Presidente del Consiglio Comunale il Consigliere __________________, il quale assume in conseguenza la presidenza del Consiglio
IL CONSIGLIO COMUNALE
Preliminarmente il Presidente informa il Consiglio che per l'elezione del Presidente è necessario, per la prima votazione, il conseguimento del voto favorevole della maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio, che si procederà a scrutinio segreto e che ciascun consigliere potrà apporre sulla propria scheda un solo nominativo.
Distribuite e raccolte le schede il Presidente assistito dagli scrutatori nominati ad inizio di seduta, accerta il seguente esito:
Consiglieri presenti e votanti n°14;
ricevono voti: Giucastro Giuseppe n° 9
schede bianche n.1
schede nulle n.3.
Per effetto della superiore votazione il consigliere Giucastro Giuseppe è proclamato
Presidente del Consiglio ed in tale veste assume la presidenza.
Esaurita la votazione, e proclamato l’esito della stessa, il Cons. Caltanissetta consegna a nome del gruppo consiliare “Rinascita Isolana” un documento che viene allegato al verbale per farne parte integrante. Dopo di che il gruppo abbandona l’aula.
Si allontanano i Cons. Caltanissetta, Mannino, Billeci, Nuvoloso e Mignano, presenti n.9.
Il Presidente neoeletto preso posto alla presidenza ringrazia i consiglieri per la fiducia accordatagli e afferma il suo impegno a svolgere il proprio ruolo nel rispetto dell’assoluta legalità e nell’interesse dell’intero Consiglio. A tale scopo assicura la massima disponibilità ed attenzione, volendo servire da stimolo per l’attività consiliare e per la stessa Giunta Municipale.
Assume formale impegno di operare in maniera super partes assicurando che accetterà e farà proprie tutte le proposte costruttive avendo l’intendimento di assicurare la massima attività possibile del Consiglio.
Esprime i suoi auguri di buon lavoro al Sindaco, che ha dato dimostrazioni di una grande personalità come la fiducia accordatagli dagli elettori ha dimostrato; egli dichiara la propria felicità per aver potuto collaborare con il Sindaco nella precedente legislatura in qualità di assessore.
Tornando, quindi, all’enunciazione delle linee che ispireranno la sua presidenza, afferma l’intenzione di essere rigoroso nel rispetto delle prerogative di tutti i consiglieri anche laddove si adopererà per impedire all’interno dell’aula consiliare ogni scontro di carattere personale. Invita la cittadinanza a presenziare ai lavori consiliari.
Constatata, quindi, la necessità di procedere ad un’integrazione degli scrutatori onde procedere alla sostituzione del Cons. Caltanissetta, allontanatosi dall’aula, nomina scrutatore il Cons. Peloso
numero 33 del 25-06-2009
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DCC00033.pdf (24 kb) File con estensione pdf
Esame in ordine a causa di incompatibilità dei consiglieri neoeletti. Provvedimenti conseguenti .
Il Segretario Comunale sottopone al Consiglio la seguente proposta di deliberazione:
“ESAME IN ORDINE A CAUSA DI INCOMPATIBILITA' DEI CONSIGLIERI NEOELETT1-
PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI ".
IL CONSIGLIO COMUNALEConsiderato che, dopo il giuramento e la convalida per inesistenza di cause di ineleggibilità del Consiglieri neoletti, occorre ora procedere all'esame dello status dei medesimi in ordine alle cause di incompatibilità di cui agli artt. 10 e 11 della L.R. 24 giugno 1986, n.31, così come riportati agli artt. 83 e84 del testo coordinato dalle Leggi Regionali relative all’ordinamento degli EE. LL.;Rilevato che nessuna comunicazione in merito a cause di incompatibilità è pervenuta per i Consiglieri neoeletti e che nessuna denuncia in tal senso viene fatta nell'odierna seduta;Ritenuto di dover provvedere in merito;
DELIBERA Rilevare l'inesistenza di cause di incompatibilità per i consiglieri neoeletti già convalidati dal Consiglio.
IL CONSIGLIO COMUNALE
Vista la superiore proposta di deliberazione;
Udito il Sindaco che, chiesta ed ottenuta la parola, comunica di aver, con propria determina n°14 del 15/06/2009, proceduto a nominare il consiglieri Palazzotto Salvatore, Assessore in seno alla Giunta Municipale da Lui presieduta;
Considerato che la carica di assessore risulta incompatibile con la carica di consigliere l’Assessore nominato deve ora procedere ad effettuare l’opzione di cui all’art.12, comma 4, della L.R. 7/92, nonché l’esame di situazioni di incompatibilità;
Il Cons. Palazzotto ringraziando il Sindaco per la fiducia accordatagli dichiara di optare per la carica
di Assessore Comunale e lascia lo scranno di Consigliere.
A questo punto, accertata la presenza in aula del primo dei non eletti, Sig.ra Aiello Maria Francesca, il Presidente la invita ad insediarsi e la stessa, entrata nell’emiciclo, presta regolare giuramento nella formula di rito, sottoscrivendo il verbale appositamente predisposto, che viene parimenti sottoscritto dal Presidente e dal Segretario Comunale.
Il Sindaco, riottenuta la parola, comunica di aver, con propria determina n°14 del 15/06/2009, proceduto a nominare il consigliere Aiello Paolo, Assessore in seno alla Giunta Municipale da Lui presieduta;
Considerato che la carica di assessore risulta incompatibile con la carica di consigliere l’Assessore nominato deve ora procedere ad effettuare l’opzione di cui all’art.12, comma 4, della L.R. 7/92, nonché l’esame di situazioni di incompatibilità;
Il Cons. Aiello, ringraziando il Sindaco per la fiducia accordatagli, dichiara di optare per la carica di Assessore Comunale e lascia lo scranno di Consigliere.
A questo punto, accertata la presenza in aula del primo dei non eletti, Sig. Peloso Alberto, il Presidente lo invita ad insediarsi e lo stesso, entrato nell’emiciclo, presta regolare giuramento nella formula di rito, sottoscrivendo il verbale appositamente predisposto, che viene parimenti sottoscritto dal Presidente e dal Segretario Comunale.
Il Sindaco, a questo punto, comunica di aver, con propria determina n°14 del 15/06/2009, proceduto a nominare il consigliere Riso Napoleone, Assessore in seno alla Giunta Municipale da Lui presieduta;
Considerato che la carica di assessore risulta incompatibile con la carica di consigliere l’Assessore nominato deve ora procedere ad effettuare l’opzione di cui all’art.12, comma 4, della L.R. 7/92, nonché l’esame di situazioni di incompatibilità;
Il Cons. Riso ringraziando il Sindaco per la fiducia accordatagli dichiara di optare per la carica di Assessore Comunale e lascia lo scranno di Consigliere.
A questo punto, accertata la presenza in aula del primo dei non eletti, Sig.ra Lucido Salvatore, il Presidente lo invita ad insediarsi e lo stesso, entrato nell’emiciclo, presta regolare giuramento nella formula di rito, sottoscrivendo il verbale appositamente predisposto, che viene parimenti sottoscritto dal Presidente e dal Segretario Comunale.
Infine, udito il Sindaco che, chiesta ed ottenuta la parola, comunica di aver, con propria determina n°14 del 15/06/2009, proceduto a nominare il consigliere Cutino Marcello, Assessore in seno alla Giunta Municipale da Lui presieduta;
Considerato che la carica di assessore risulta incompatibile con la carica di consigliere l’Assessore nominato deve ora procedere ad effettuare l’opzione di cui all’art.12, comma 4, della L.R. 7/92, nonché l’esame di situazioni di incompatibilità;
Il Cons. Cutino ringraziando il Sindaco per la fiducia accordatagli dichiara di optare per la carica di Assessore Comunale e lascia lo scranno di Consigliere.
A questo punto, accertata la presenza in aula del primo dei non eletti, Sig. Cardinale Enrico, il Presidente lo invita ad insediarsi e lo stessa, entrato nell’emiciclo, presta regolare giuramento nella formula di rito, sottoscrivendo il verbale appositamente predisposto, che viene parimenti sottoscritto dal Presidente e dal Segretario Comunale.
Il Cons. Caltanissetta, udita la lettura della determina Sindacale con la quale si nominano gli assessori chiamati a far parte della Giunta Municipale, chiede di conoscere le deleghe loro attribuite, stante che, qualora queste dovessero corrispondere con quelle preannunciate, gli assessori risulterebbero privi della professionalità e competenza prevista dal vigente statuto comunale, per cui in tal caso bisognerebbe procedere preliminarmente alla modifica dello Statuto.
Il Sindaco afferma che le deleghe assessoriali non sono state ancora formalizzate.
A questo punto, il Presidente invita i Consiglieri invita i consiglieri a votare per la verifica dell’assenza di cause di ineleggibilità incapo ai n.4 Consiglieri subentranti.
IL CONSIGLIO COMUNALE
Con voti unanimi espressi per alzata di mano;
DELIBERA
Riconoscere l’inesistenza di cause di ineleggibilità in capo ai quattro Consiglieri subentranti.
A questo, il Presidente indice la votazione in ordine alla verifica di cause di incompatibilità su tutti i Consiglieri insediatisi
IL CONSIGLIO COMUNALE
Con voti unanimi espressi per alzata di mano;
DELIBERA
Riconoscere l’inesistenza di cause di incompatibilità in ordine a tutti i Consiglieri insediatisi a ricoprire la carica di Consigliere Comunale
numero 32 del 25-06-2009
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DCC00032.pdf (32 kb) File con estensione pdf
Esame in ordine alle condizioni di eleggibilita' dei consiglieri neoeletti - convalida ed eventuali surroghe.
Il Segretario Comunale sottopone al Consiglio la seguente proposta di deliberazione:
ESAME IN ORDINE ALLE CONDIZIONI DI ELEGGIBILITA' DEI CONSIGLIERI NEOELETTI - CONVALIDA ED EVENTUALI SURROGHE "
IL CONSIGLIO COMUNALE
Visto il verbale dell'adunanza dei Presidenti di seggio del 09 e del 10 giugno 2009 dal quale si evince la proclamazione dell'elezione di n.15 Consiglieri Comunali a seguito delle consultazioni elettorali del 6 e 7 giugno 2009;
Accertato che detta elezione è stata notificata ai consiglieri eletti nelle forme di legge giuste note prot. 9521 dell’11 giugno 2009;
Rilevato che in data 12 giugno c.a. è stato pubblicato il manifesto con il quale viene data notizia del risultato delle elezioni comunali del 6 e 7 giugno 2009, nonché dei nominativi degli eletti alla carica di Sindaco e di Consigliere Comunale;
Visto l'art.9 della L.R. 24 Giugno 1986, n.31 nel testo vigente, nonché l'art. 18, comma 2, della L.R. 21 settembre 1990 n°36 che prevedono i casi di ineleggibilità alla carica di Consigliere Comunale e anche di candidabilità secondo l'art.58 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n.267;
Considerato che i Consiglieri neoeletti, presenti in aula, hanno già prestato giuramento nelle forme previste dall'art.45 dell'O.R.EE.LL.;
Rilevato che non risultano sussistere condizioni di ineleggibilità per i consiglieri neoeletti e che nessuna denuncia è stata in precedenza effettuata né in questa sede viene mossa al riguardo;
Con voti unanimi, palesemente espressi per alzata di mano;
DELIBERA
Convalidare, ad ogni effetto di legge, l'elezione a Consigliere Comunale, a seguito delle
elezioni del 6 e 7 giugno 2009, dei seguenti Sigg.ri:
1. Palazzotto Salvatore;
2. Aiello Paolo;
3. Riso Napoleone;
4. Cutino Marcello;
5. Giucastro Alessandro;
6. Dionisi Vincenzo;
7. Battaglia Rosalia;
8. Guttadauro Giovan Battista;
9. Riso Rosaria;
10. Mannino Angelo;
11. Billeci Orazio;
12. Crisci Francesco;
13. Caltanissetta Giuseppe;
14. Nevoloso Benedetto;
15. Mignano Rosario.
numero 31 del 25-06-2009
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DCC00031.pdf (22 kb) File con estensione pdf
Giuramento dei Consiglieri Comunali neoeletti
Alle ore 18,00 il signor Mannino Vincenzo. consigliere più anziano per preferenze individuali così come individuato nel verbale dell’adunanza dei Presidenti di seggio in occasione delle Elezioni Amministrative del 6 e 7 giugno 2009, assume la Presidenza provvisoria dell'Assemblea e, constatata la presenza in aula dei n°14 Consiglieri di cui al frontespizio, dichiara aperti i lavori e presta giuramento nelle forme prescritte dall'art.45 dell'O. R. EE. LL., sottoscrivendo il verbale di giuramento appositamente predisposto.
Invita poi gli altri Consiglieri a prestare a loro volta, giuramento;
i consiglieri eletti presenti in aula prestano giuramento con la medesima formula, in
piedi, a capo scoperto e ad alta ed intelligibile voce.
Della prestazione dei giuramenti vengono redatti appositi verbali, che vengono allegati alla presente per costituirne parte integrante.
Espletato il predetto adempimento il Consiglio è correttamente insediato.
Dopo di ciò, il Presidente propone di nominare quali scrutatori che lo collaboreranno nell'accertamento dell'esito delle votazioni dell'odierna seduta i Consiglieri Giovanni Guttadauro, Giuseppe Caltanissetta e Rosaria Riso.
La proposta viene accolta ad unanimità di voti espressi per alzata di mano.
Giuramento dei Consiglieri Comunali neoeletti.
Atto numero 30 del 25-06-2009
Tipo di Atto: DELIBERA DI CONSIGLIO
Allegato: DCC00030.pdf (12 kb) File con estensione pdf
Logo 2.jpg
Oggetto: dichiarazione di abbandono dell’aula consiliare
I componenti del gruppo consiliare Rinascita Isolana, dopo aver giurato - per essere immessi nell’esercizio delle proprie funzioni ex art. 25.2 dello Statuto comunale - ed aver partecipato alle elezioni del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio Comunale - per rispetto nei confronti delle istituzioni democratiche e della cittadinanza - abbandonano l’aula.
I sottoscritti ritengono infatti che i provvedimenti amministrativi adottati dalla giunta Portobello alla vigilia delle elezioni comunali del 6 e 7 giugno 2009 e la mercificazione del consenso cui si è assistito nei giorni che hanno preceduto il voto, abbiano falsato il risultato elettorale, determinando l’affermazione di una compagine che non può rappresentare – eticamente – i cittadini di Isola delle Femmine.
Le funzioni che il Capo I del Titolo III dello Statuto riconoscono al Consiglio Comunale, impongono pertanto ai membri del gruppo Rinascita Isolana di stigmatizzare con la loro assenza al giuramento del Sindaco i profili squallidi di una tornata elettorale viziata da un profondo degrado morale e politico.
L’abbandono dell’aula consiliare è il no di Rinascita Isolana all’insediamento di una giunta che ha applicato alla democrazia partecipativa i principi dell’economia di mercato, alle logiche del consenso quelle dei rapporti sinallagmatici.
Isola delle Femmine, 25 giugno 2009 I consiglieri comunali



*Candidato alle elezioni amministrative anche un nipote del boss

*Consiglio Comunale Isola delle Femmine "infiltrazioni mafiose nella Pubblica Amministrazione"
*Bilancio di previsione 2010 proroga al 30 giugno
*La solidarietà dalle Valle dei Templi

*Isola Ecologica di Isola finanziata dalla C.E., Ditta Zuccarello, AL.TA. Borgetto, ATO/PA1?
Dr. Croce, Bruno, geologo Cutino,Puglisi, Ing. Francavilla Arch Licata, M.A.M. s.n.c., geom Dionisi.........
*SEQUESTRATE LE SCHEDE ELETTORALI
*CONSULENZE e..............
*I PACCHI DELL'AMBIENTALISTA rosso-verde-arancione
*M.A.M. s.n.c. PALazzotto Pizzerie verde e Isola ecologiche
*M.A.M. s.n.c. Progetto di Variante ed Elezioni Amministrative
*Consiglio Comunale Su ATO rifiuti e Ripubblicizzazione Acqua Bene Comune
*Angela Corica
*LA CRICCA DEGLI APPALTI
*La munnezza di Isola delle Femmine vale tanto oro quanto pesa
*DELIBERE DELLA GIUNTA PORTOBELLO 2010
*DELIBERE CONSIGLIO COMUNALE
*Rapporto ecomafia 2008 - Sicilia, ciclo dei rifiuti, la monnezza è “Cosa Nostra”
*Controllo su atti Enti Locali Circolari e Legge Regionale 44/1991
*
U.R.P. Isola delle Femmine inadempiente pag 7
*
Ingegnere Francavilla Stefano
*
APPROVATI CANTIERI DI LAVORO
*
Ingegnere Lascari Gioacchino
*
Ingegnere Lascari Gioacchino Scalici
*C.E n.03-2010 - Enea Orazio Ing Lascari
*
Consulenti Geologi Eletti
*
Dr. Marcello Cutino geologo
*
Cutino dr. Marcello Pet-coke Portobello DIMISSIONI
*
Minagra dr. Vincenzo Biologo
*Minagra dr. Vincenzo Consulente ambientale del Sindaco Portobello
*
Le acque d’oro di Ambiente e Sicurezza Dr. Minagra
*Vincenzo dr. Minagra Pet-coke Cutino Portobello
*
I COSTI DELLA POLITICA INCARICHI DIRIGENZIALI A LAVORATORI PRECARI
*
Vigilanza e controllo degli enti locali - Ufficio ispettivo

*ISOLA ecologica PIANO Levante CANTIERI lavoro M.A.M. Pizzerie e........
*
APPROVATI CANTIERI DI LAVORO
*
Cantiere Lavoro all’isola ecologica
*Isola ecologica
*
Architetto Licata Geologo Cutino Incaricati di……
*
Architetto Licata
*Restauro Torre
*
Consiglio Comunale 25 giugno 2009 Insediamento "Sindaco" a Isola delle FemmineDichiarazione Rinascita Isolana

*Mi si è ristretto il pene! Colpa dell'inquinamento
» Posizione Economica Capi di Settore
Vai a → Retribuzione Direttore Generale - Anno 2008
Vai a → Retribuzione Segretario - Anno 2009
Vai a → Trattamento economico annuo lordo dei Titolari di posizione organizzativa
» Curricula Dirigenti e Capi di Settore
*C.V. Dott. Scafidi Manlio Segretario Generale.*C.V. Sig.ra Pirrone Nunzia Responsabile Settore Amministrativo e del Settore Servizi Sociali.*C.V. Rag. Fontanetta Biagio Responsabile Settore Economico-finanziario e del Settore Personale.*C.V. Arch. D'Arpa Sandro Responsabile Settore Urbanistica e del Settore Lavori Pubblici.
*C.V. Dott. Croce Antonio Responsabile Settore Vigilanza (Polizia Municipale).
*C.V. Sig. Tricoli Antonino Responsabile Settore Attività Produttive, Tributi ed Acquedotto


ORDINANZA DEL SINDACO - Modalità di conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati in regime di raccolta differenziata. ORDINANZA DEL SINDACO: Revoca ordinanza n.69 (emergenza rifiuti) a far data dal 31/12/2010 ORDINANZA DEL SINDACO - Affidamento servizio di raccolta e conferimento RR.SS.UU in via sostitutiva. ORDINANZA DEL SINDACO: Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti:conferimento rifiuti alla discarica di Bellolampo ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Emergenza rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Revoca ordinanza n.13/11 - Emergenza Rifiuti ORDINANZA DEL SINDACO - Affidamento servizio di raccolta e conferimento RR.SS.UU in via sostitutiva. BADALAMENTI VITO LEONARDO,Billeci,bruno,Caserma dei Carabinieri,COPACABANA,elauto, IMPASTATO,Squarista Rosso,LO BELLO,LO PICCOLO,PALmuto,POMIERO,saracen,VASSALLO, VOTO DI SCAMBIO,

sabato 27 giugno 2009

ELEZIONI AMMINISTRATIVE DICHIARAZIONE GARANZIA FINANZIAMENTI

TERRIBILE INCIDENTE FERROVIARIO A VIAREGGIO
http://iltimone.blogspot.com/2009/06/terribile-incidente-ferroviario.html

NINO RUBINO A TELEJATO FENOMENO MAFIOSO A ISOLA?
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-elezioni.html


Stefano Bologna: LE PAROLE SONO PIETRE
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/06/oggi-10-giugno-alle-1310-due-funzionari.html



Pino Rubino:LIBERE ELEZIONI A ISOLA DELLE FEMMINE?
http://disertiamoleurneaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/ce-la-faremo-uploaded-by-isolapulita.html

Isola delle Femmine: Rdar meteo o acquario marino?
http://isoladifuori.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-radr-meteo-o.html


Il Sindaco Portobello: " Al Signor PAlazzotto nel dargli la carica di Vice Sindaco e Assessore alla Cultura, gli abbiamo riconosciuto il giusto merito per averci fatto vincere le elezioni amministrative del 1999" (scusi Signor Portobello ma le elezioni non si vincono con i voti? o ci sono metodi diversi per vincere una elezione?)..."

Sindaco Portobello "....Faremo le RONDE le nostre a differenza di quelle della Lega saranno delle RONDE GIOIOSE"
Sindaco Portobello " .........Le prime cose che faremo Piano regolatore Generale Piano Utilizzo Spiagge......"
(nei pressi dellla villa attigua al Gran Caffè nei giorni scorsi sono stati notati dei tecnici e non, che eseguivano delle rilevazioni tecniche urbanistiche, certamente non vi sarà alcuna attinenza con il Piano Pizzerie Ville e Giardini già respinto dal passato Consiglio Comunale! L'eventuale sua ripresentazione con le stesse modalità e gli stessi richiedenti prefigurerebbe un interesse privato in atto pubblico)









PATTO DI GARANZIA E TRASPARENZA SULLE FONTI DI FINANZIAMENTO E DELLE RELATIVE SPESE SOSTENUTE DAI CANDIDATI SINDACI CONSIGLIERI E LISTE ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE A ISOLA DELLE FEMMINE GIUGNO 2009


(per i singoli candidati elezioni comunali)



DICHIARAZIONE PER SPESE PROPAGANDA ELETTORALE


Il sottoscritto/a __________________________________________

candidato/a nella lista contraddistinta con contrassegno __________


d i c h i a r a


A)- che le spese per la propaganda per le elezioni del Consiglio Comunale del giugno 2009 che


ha sostenuto ammontano complessivamente a

Euro _____________________________________

così ripartite:

propaganda a mezzo manifesti, depliants, stampa, televisioni, ecc.

Euro _____________________________________

altre (comizi, riunioni, convegni, beni di consumo, ecc.)

Euro _____________________________________


B)- Le relative fonti di finanziamento sono STATE SOSTENUTE da


1) Signor/ ________________________________

nato ____________________________________

il ______________________________________

Residente a _____________________________

Via ____________________________________

Codice Fiscale ___________________________

Cifra Versata Euro ________________________

Contante e/o bonifico assegno _______________

Dati versamento __________________________

2) Signor/ _______________________________

nato ___________________________________

il ______________________________________

Residente a _____________________________

Via ____________________________________

Codice Fiscale ___________________________

Cifra Versata Euro _________________________

Contante e/o bonifico assegno ________________

Dati versamento ___________________________

3) Signor/ ________________________________

nato ____________________________________

il ______________________________________

Residente a ______________________________

Via _____________________________________

Codice Fiscale ____________________________

Cifra Versata Euro _________________________

Contante e/o bonifico assegno ________________

Dati versamento ___________________________

4) Signor/ ________________________________

nato ____________________________________

il ______________________________________

Residente a _____________________________

Via ____________________________________

Codice Fiscale ___________________________

Cifra Versata Euro ________________________

Contante e/o bonifico assegno _______________

Dati versamento __________________________


C)- di non aver sostenuto spese in quanto le stesse hanno fatto carico alla lista di appartenenza.




firma __________________________________




Il Comitato di garanzia e trasparenza sulle elezioni amministrative di Isola delle Femmine nella persona del Signor____________________________________________, attesta che la suindicata persona, identificata ha apposto la sua firma in mia presenza, pervia ammonizione sulle responsabilità MORALI per dichiarazioni mendaci.



Isola delle Femmine, ___________________





PATTO DI GARANZIA E TRASPARENZA SULLE SINGOLE FONTI DI FINANZIAMENTO AI CANDIDATI SINDACI CONSIGLIERI E LISTE DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI ISOLA DELLE FEMMINE GIUGNO 2009




(per le singole fonti di finanziamento)



DICHIARAZIONE DI FINANZIAMENTO SPESE PROPAGANDA ELETTORALE




Signor/ ______________________________

nato ________________________________

il __________________________________

Residente a __________________________

Via _________________________________

Codice Fiscale ________________________

Cifra Versata Euro _____________________

Contante e/o bonifico assegno ____________

Dati versamento _______________________


1) Al candidato/a ______________________

nella lista contraddistinta con contrassegno __

2) Al candidato/a ______________________

nella lista contraddistinta con contrassegno __

3) Al candidato/a ______________________

nella lista contraddistinta con contrassegno __

4) Al candidato/a ______________________

nella lista contraddistinta con contrassegno __

Il Sottoscritto d i c h i a r a


A)- che i finanziamenti per la propaganda per le elezioni del Consiglio Comunale di giugno 2009

ho sostenuto ammontano complessivamente a

Euro _______________________________

da destinarsi per propaganda a mezzo manifesti, depliants, stampa, televisioni, comizi, riunioni, convegni, beni di consumo, ecc.

firma _______________________________

Il Comitato di garanzia e trasparenza sulle elezioni amministrative di Isola delle Femmine nella persona del Signor_________________________________, attesta che la suindicata persona, identificata ha apposto la sua firma in mia presenza, pervia ammonizione sulle responsabilità MORALI per dichiarazioni mendaci.

Isola delle Femmine, ___________________


Ufficio legislativo e legale

Via Caltanissetta 2/e (Palazzo Florio) 90100 - Palermo

Tf. 091 6964806 Gruppo II /53.11.2000

OGGETTO: Esecuzione della sentenza n. 17/2000 del T.A.R. Sicilia sez. II PA - Quesito in ordine agli adempimenti del Consiglio comunale - Comune di XXXX.

Assessorato Regionele
degli Enti Locali

P A L E R M O


1. Si fa riferimento alla nota n. 1144/VII del 15 marzo s., di pari oggetto, con cui codesto Assessorato inoltra allo scrivente un quesito del comune di XXXX sull'esecuzione della sentenza del T.A.R. Sicilia, Sez. II 1 marzo 2000, n. 17/00, con cui, in accoglimento del ricorso di M. M. L. ed altri, è stato annullato l'impugnato verbale di proclamazione degli eletti nella consultazione amministrativa del 13 giugno 1999 con conseguente correzione dei risultati elettorali e proclamazione quali componenti eletti dal Consiglio comunale dei candidati dal 7° al 9° per numero di voti della lista "Isola per tutti" in luogo dei candidati dal 7° al 9° della lista "Nuova Torre".
In particolare il quesito riguarda la necessità o meno di procedere ex novo a tutti gli adempimenti della prima adunanza del Consiglio comunale, "con ulteriore particolare riguardo agli organi di autogoverno e alla composizione delle singole Commissioni" consiliari permanenti.
Al riguardo codesto Assessorato "manifesta la propria perplessità sulla necessità di procedere alla ricostituzione degli organi di autogoverno, affidando alla decisione dell'organo giurisdizionale validità con effetti ex tunc.... non ritenendosi che la surroga di tre consiglieri comunali possa indurre l'organo competente a considerare illegittimi gli atti adottati dal Consiglio comunale prima della sentenza del T.A.R.".

2. La fattispecie sottoposta all'esame dello scrivente non è inquadrabile nello schema della surroga in senso tecnico, consistente nella sostituzione dei consiglieri decaduti a seguito della verifica da parte del Consiglio della validità della propria composizione. Trattasi più propriamente di una modifica della composizione di tale organo derivante dalla correzione, in sede giurisdizionale dei risultati elettorali.
Ciò premesso e considerato altresì che la sentenza del T.A.R. ha determinato un ribaltamento della maggioranza consiliare, con attribuzione della stessa ad una lista diversa da quella dichiarata vincitrice in sede di adunanza dei presidenti di seggio, è da ritenersi applicabile alla fattispecie il principio generale in tema di annullamento degli atti amministrativi secondo cui il vizio (di illegittimità derivata) dei provvedimenti che trovano il loro presupposto in un atto caducato vada considerato come sussistente ab origine (cfr. C. di S. Sez. VI, 23 ottobre 1993, n. 776); non sembra infatti discutibile, nel caso in esame, il carattere consequenziale, rispetto all'atto annullato, di provvedimenti attinenti alla funzionalità dello stesso consiglio, come quelli di nomina di presidente e di vice presidente o delle commissioni permanenti, su cui può ovviamente riverberarsi il ribaltamento della maggioranza consiliare.
I limiti dell'efficacia retroattiva delle pronunzie di annullamento degli atti illegittimi, invero, sono dati solo da situazioni irreversibili ("factum infectum fieri nequit"), non ravvisabili nel caso di cui trattasi.
Sembra pertanto che l'obbligo della P.A. di adeguarsi al giudicato del T.A.R. comporti il rinnovamento delle operazioni compiute dal Consiglio comunale di XXXX dopo la proclamazione degli eletti, ivi compresa l'elezione delle commissioni permanenti, trattandosi di atti immediatamente condizionati da quello annullato in sede giurisdizionale (cfr., sul principio generale, C.S., Sez. VI 12 aprile 1994, n. 488).

* * * * *
A' termini dell'art. 15, co. 2 del D.P.Reg. 16 giugno 1998, n. 12 lo scrivente acconsente sin d'ora all'accesso presso codesto Assessorato al presente parere da parte di eventuali soggetti richiedenti.
Si ricorda poi che, in conformità alla circolare presidenziale dell'8 settembre 1998, n. 16586/66.98.12 trascorsi 90 giorni dalla data di ricevimento del presente parere senza che codesta Amministrazione ne comunichi la riservatezza, lo stesso potrà essere inserito nella banca dati "FONS".
http://www.gurs.regione.sicilia.it/Pareri/P000053.HTM


COMMENTI PERVENUTI AL BLOG MERITEVOLI DI MENZIONE SPECIALI



UN A VERIFICA CON FA MALE ha detto...
Gentili sigg del blog bravi vi che la legge c'e dal 1982 :Va altresì osservata, ove definita, la disciplina, connessa ed integrativa della l.r. n.128/82, prescritta dall'art.53, comma 2, della l.r. n. 26/93, comma questo che si riporta e che, ovviamente, riguarda i soggetti eletti a suffragio diretto: “”2. Entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge, gli statuti delle province dei comuni, ad integrazione degli adempimenti prescritti dalla legge regionale 15.11.1982, n.128, disciplinano la dichiarazione preventiva ed il rendiconto delle spese per la campagna elettorale dei candidati e delle liste alle elezioni locali. La dichiarazione preventiva e il rendiconto sono resi pubblici tramite affissione all'albo pretorio del comune e della provincia".C'E SOLO DA VERIFICARE SE DAL 1993 GLI AMMINISTRATOERI LOCALI HANNO RISPETTATO LA LEGGE.FORSE NODA BRAVO CRONISTA DI GOSSIP SI ACCERTI E RENDE UN SERVIZIO AI CITTADINI .
28 giugno 2009 1.42



UN CRISCI MANCU ERBA ha detto...
amministratori che ricopritr caricke al comune di isiola non spendete denari per consigli su cosa fare tanto cè un esperto L'ANIMATORE di questo blob e va dato merito di essere preparato ma PORTA SFIGA A TUTTI E DOVE SI METTE UN CRISCI MANCU ERBA
28 giugno 2009 5.51



Brogli alle elezioni comunali Tutto da rifare, si riparte a ottobre

Tutto da rifare. Il processo sui presunti brogli alle elezioni comunali di Palermo del 2007 deve ricominciare dall’inizio. Stamane il gup del tribunale di Palermo, Ettorina Contino, ha accertato un vizio di procedura che azzera il contatore e dà appuntamento al prossimo ottobre. Il processo, che si celebra con rito abbreviato, vede imputati sei presidenti di seggio che avrebbero manomesso grossolanamente le schede elettorali.
La questione nasce dall’istanza di costituzione di parte civile da parte di due cittadini palermitani. Secondo la legge del 1960, per questo tipo di reato, possono ritenersi parte lesa tutti gli elettori del comune di Palermo, per cui il Municipio deve dare avviso della possibilità attraverso pubblici proclami: pubblicazioni sui giornali e sulla gazzetta ufficiali e altre forme di pubblicità. Ciò non è avvenuto per cui il processo è stato dichiarato nullo.
Ma se la legge in questione consente ai cittadini di essere considerati parte lesa, d’altra parte accorcia il periodo di prescrizione a due o tre anni. Va da sé che, paradossalmente, più cittadini chiederanno la costituzione di parte civile, più i tempi del processo si allungheranno avvicinandosi alla prescrizione.